Il destino della memoria è quello di diventare prima o poi vaga e imprecisa..per poi essere del tutto dimenticata. Di conseguenza ho deciso di riportare in questo diario tutto quello che non desidero vada perduto.

Articoli con tag ‘fantascienza’

GHOST IN THE SHELL

ghost_in_the_shell_movie_folder_icon_by_zenoasis-dawvgnb

Sono sempre stato appassionato di animazione giapponese e ovviamente negli anni 90 vidi il lungometraggio da cui è stato tratto oggi il film con la Johansson. 

Parlava di un mondo in cui la gente somigliava sempre più alle macchine, essendo composta da porzioni artificiali del proprio corpo, mentre le macchine acquisivano una loro coscienza. Era una storia con concetti introspettivi e psicologici, molto complessa e, a dirla tutta, abbastanza pesante ^ ^ 

Affascinante, sì, con una qualità di disegni e animazioni fantastici per l’epoca ma l’ho sempre trovato troppo lento e soporifero.

Mi sento quindi di spezzare una lancia a favore di questo film con Scarlett protagonista, dopo che tutti i fan hanno levato cori di indignazione per lo scandalo di questo remake americano. Io l’ho apprezzato molto, le tematiche sono rimaste quelle ma più semplificate e la storia è più improntata sull’azione.

Un remake fedele sarebbe stato difficile da portare al cinema e secondo me neanche avrebbe avuto senso, si è optato per una trasposizione che rimanda all’opera originale ma che è differente, ha una propria identità.

Lo trovo un bel film poliziesco con un’ambientazione di fantascienza ( bellissima, tra l’altro ), con una storia ricca di tensione e visivamente spettacolare.

E Scarlett è sempre bona, nonostante quella parrucca terribile 😀

Annunci

IL RISVEGLIO DELLA FORZA

Guerre Stellari è una delle mie saghe cinematografiche preferite. La Trilogia Classica all’epoca fu rivoluzionaria e ridefinì i canoni della fantascienza cinematografica ma io ho sempre apprezzato anche i prequel, che espandono l’universo con nuovi mondi e razze, con duelli epici e con effetti speciali di una rara potenza visiva, per gli anni in cui è uscita.

Quando ho saputo che a distanza di anni avrebbero fatto oggi questa nuova trilogia ero elettrizzato! Con la tecnologia odierna quello che si può realizzare può essere sbalorditivo, e in più sarebbero tornati anche i personaggi classici! Imperdibile!

Sono riuscito a schivare ogni tipo di spoiler nonostante la massiccia campagna di marketing e mi sono fiondato al cinema appena possibile, con la sala piena di “matti” 😀 con le spade laser e che riversavano scrosci di applausi su ogni personaggio storico che appariva.  Bella atmosfera.

E il film? Beh, come spesso accade anche in altri ambiti, quello che ci immaginiamo è sempre più bello che la realtà. Intendiamoci, mi è piaciuto, e durante la visione mi sono divertito ed emozionato più volte. Ma mi aspettavo di più.

Personaggi azzeccati, vecchi e nuovi, promossa anche la nuova ragazza, carina e molto espressiva. La storia ha un buon ritmo, non annoia mai alternando azione e umorismo. Il problema per me è stato essenzialmente uno: un continuo déjà-vu. Per rimanere fedeli alla trilogia classica hanno riproposto scene e situazioni da farlo sembrare quasi un remake travestito da sequel! °__°

E poi poche scene dal forte impatto visivo, poche invenzioni e combattimenti per nulla coreografati. Il che ha anche un senso, per il tipo di storia che viene raccontato, ma…ecco, non era quello che volevo vedere probabilmente. Però così è, hanno comunque fatto un ottimo lavoro non snaturando il vecchio e gettando buone basi per i seguiti.

Che non mancherò di vedere ovviamente! 😉

 

 

IL PIANETA DELLE SCIMMIE

Conosco a grandi linee la vecchia saga del Pianeta delle Scimmie, avevo visto anche il remake di 10 anni fa ma non mi aveva eccessivamente entusiasmato. Saltai quindi “L’alba del Pianeta delle Scimmie”, il prequel uscito qualche anno fa. Ma, vista la totalità dei commenti positivi da chi l’aveva visto e il fatto che ne sia uscito il seguito ora al cinema, mi sono deciso a vederlo.

Ed è piaciuto anche a me. E’ un film molto più intelligente di quanto si pensi, racconta la nascita delle scimmie evolute approfondendo più le emozioni dei personaggi che la creazione di scene spettacolari. Non un capolavoro ma decisamente piacevole.

E il seguito è ancora meglio. Ha molta più azione ma senza essere fracassone, ha una storia un po’ prevedibile ma raccontata in maniera efficace, che sa emozionare in più punti. Gli effetti poi sono ancora più sbalorditivi del predecessore, ci sono diverse scene visivamente molto potenti e un livello di dettaglio sulle scimmie davvero spaventoso.

Cesare poi è molto carismatico, e anche gli altri scimmioni protagonisti sono ben delineati. Non posso dire lo stesso sugli umani, non ho apprezzato né la scelta di casting  (eccezion fatta per “il commissario Gordon” 😉 ) né come vengano gestiti. Ma il giudizio è comunque molto buono, se faranno (quasi sicuramente) un terzo episodio lo vedrò senz’altro.

 

LETTURE ESTIVE

Essendomi ritrovato ad aver finito un libro e non avendone subito un altro da leggere, ho approfittato di un romanzo che i miei avevano preso in biblioteca: Un corpo in prestito.

Inizia con una scena molto forte, che suscita molti interrogativi ma poi, curiosamente, si viene trascinati indietro nel tempo con la storia a molti giorni prima. Praticamente inizia con la fine, o quasi. E questo è interessante ma secondo me controproducente perchè dopo non molte pagine già ci si fa un’idea di come si arriverà a quel punto.

Il protagonista è uno psichiatra francese che ha in cura uno psicopatico che ha accoltellato parecchie donne. Il dottore ha come hobby di fare lo scienziato pazzo, infatti ha creato una macchina che permette di trasmettere i pensieri nel cervello di un’altra persona…

E pure qua il titolo non aiuta di certo per quanto riguarda le sorprese, cosa potrà mai accadere se il libro si chiama “Un corpo in prestito”? 😀

Comunque, messe da parte certe ingenuità, il libro non è male: è travestito da romanzo di fantascienza ma in realtà è un noir, ha svariati momenti di tensione  ma indaga anche i rapporti familiari e i modi di pensare della gente, ed è scritto in maniera semplice. Niente di innovativo, ma scorrevole.                                                           

Ah, girovagando su internet ho scoperto che ci hanno fatto un film con Gérard Depardieu. Mai sentito.

 

Tag Cloud